Le Wineroads di Nexa - Venissa

Venissa: una giornata in Laguna per scoprire il vino di Venezia

Wineroads
1 Luglio 2020

Sapete cosa rende le Wineroads di Nexa un progetto speciale, anche oggi che il nostro mondo e il nostro modo di viaggiare sono così cambiati?

La natura, la cultura, l’ottimo vino, prelibatezze da degustare e le storie secolari delle famiglie che ci accolgono. Tutto questo per noi è racchiuso in una sola parola: esperienza. La nostra passione di certo non è cambiata! Con le nostre esperienze, create su misura per voi, vogliamo portarvi nelle cantine più affascinanti del Veneto e del Friuli-Venezia Giulia.

E non possiamo che partire da Venezia. Venezia e la lentezza del ritmo della Laguna sono, oggi più che mai, in cima alla lista dei gioielli italiani da riscoprire, anche per gli stessi veneti. Proprio per questo organizziamo, per voi, un itinerario all’aria aperta in completa sicurezza, alla scoperta dei segreti di Venissa.

Partendo dal cuore di Venezia, arriviamo sull’isola di Mazzorbo, nella tenuta Venissa, un’oasi di bellezza e di biodiversità che custodisce un vigneto antichissimo e prezioso. A Venissa si coltiva la Dorona, l’uva “d’oro” amata dai dogi, e si raccolgono le erbe spontanee che impreziosiscono i piatti di Venissa.

In questo periodo di ripartenza Venissa ha puntato molto sul progetto Isole Venusa: una piccola selezione di prodotti nati dall’incontro tra terra e mare. Li scopriamo insieme ma soprattutto degustiamo il Venissa, uno tra i pochi vini bianchi vinificato come un grande vino rosso, facciamo due chiacchiere con il padrone di casa che ci racconta la sua vigna nella laguna, in osteria davanti a un buon piatto di pesce.

E dopo pranzo, costeggiando il vigneto, ci incamminiamo verso Burano dove il nostro tour leader vi fa scoprire le meraviglie dell’isola tra i mille colori delle sue casette, le viuzze e i cortili dall’atmosfera senza tempo.

La prossima settimana le nostre Wineroads ci porteranno verso l’entroterra, per conoscere da vicino la famiglia Bisol, viticoltori di Valdobbiadene dal 1542.

Torna all' archivio <