Biennale e non solo: 3 mostre da non perdere a Venezia

Biennale e non solo: 3 mostre da non perdere a Venezia

Itinerari e tours
10 Settembre 2019

Quando si viene alla Biennale di Venezia, è d’obbligo visitare le sue 2 sedi storiche: i Giardini che ospitano dal 1907 i padiglioni stranieri e furono costruiti da Napoleone agli inizi dell’XIX, l’Arsenale dove la Serenissima faceva costruire le navi della sua flotta, entrambi sono luoghi affascianti e pieni di storia.

Se si vuole vivere Biennale anche da un altro punto di vista, ci si può addentrare in città e si scoprono meravigliosi tesori. Ne segnaliamo 3 che abbiamo scelto perché danno il senso profondo dell’arte nella storia e nella cultura di Venezia.

La “Domus Grimani 1594-2019” è una mostra allestita a Palazzo Grimani, un gioiello nascosto che si trova tra Rialto e San Marco nella Venezia quotidiana e meno appariscente. I curatori – Paolo Ferrara, direttore del Polo museale del Veneto e Toto Bergamo Rossi, direttore di Venetian Heritage – hanno riportato alla collocazione originaria, e dopo 4 secoli, la collezione di statue classiche del Patriarca di Acquileia Giovanni Grimani. La ricostruzione della Tribuna del Patriarca Grimani è uno degli episodi più significativi della museologia europea e vuole ricreare la decorazione di una dimora aristocratica del XVI secolo, ispirata alla “casa-museo”. La mostra durerà 2 anni, fino al 30 maggio 2021.

E a proposito di “casa museo”, un tappa è d’obbligo all’Abbazia di San Gregorio dove Colnaghi, una delle più antiche gallerie d’arte classica del mondo, ha collocato le sue opere, tutte di grandi maestri della pittura. I quadri sono appesi nelle stanze dell’Abbazia che l’architetto di interni Chahan Minissian, ispirandosi al Gran Tour, ha reso accogliente come una casa con l’obbiettivo di ricreare la dimora privata di un viaggiatore del XXI secolo. “Chahan Gallery x Colnaghi” è una commistiore di antico e moderno dove il quadro interagisce con l’ambiente e contribuisce a creare nuove connessioni tra gli ospiti, i collezionisti e l’opera d’arte stessa. La mostra si visita su appuntamento fino al 24 novembre 2019.

Alle Gallerie dell’Accademia c’è “Baselitz Academy”, un’importante retrospettiva che ripercorre la storia artistica del grande espressionista tedesco Georg Baselitz, primo artista vivente della storia che ha avuto il privilegio di esporre le sue opere alle Gallerie. È stato per noi motivo di grande orgoglio aver fornito il nostro staff per l’inaugurazione della mostra e aver organizzato assieme a Gagosian la cena di gala in onore dell’artista, che ne è stato l’ospite d’onore. La mostra, visto il grande successo che ha ottenuto, è stata prorogata ed è visitabile fino all’8 ottobre 2019.

Photo ©: banner - Palazzo Grimani

Torna all' archivio <