Profumo di vecchie botteghe: una passeggiata nella Venezia che lavora

Itinerari

Venezia è opera del genio creativo dell’uomo e conserva nel lavoro degli artigiani la ricchezza delle sue tradizioni e degli oggetti preziosi che ancora produce. Le vecchie botteghe parlano della Venezia più vera, dei luoghi dove l’artigiano d’arte le restituisce il ruolo di città produttiva e innovativa allo stesso tempo.

Entrare in un atelier storico e vedere come si crea una maschera di carta pesta, toccarla, decorarla e indossarla ha tutto il fascino della seduzione che l’ha resa famosa nel mondo.

I manufatti in vetro “soffiato” di Murano, rispecchiano l’anima di Venezia: la trasparenza, la fragilità, la luce e i colori che gli oggetti preziosi forgiati dai mastri vetrai riproducono.

Anche i capolavori in mosaico a foglia d’oro e smalto, restano un tesoro antico. La Biblioteca del Colore nell’ultima fabbrica rimasta a Venezia racchiude un patrimonio di più di 3500 colori in pasta di vetro codificati in un numero sconfinato di tonalità e sfumature.

Infine, i prestigiosi tessuti, realizzati a telaio, di cui Venezia vanta una storia millenaria; velluti, damaschi, rasi, lampassi, broccatelli, taffetas e cotoni stampati, svelano l'anima di una città di mercanti e viaggiatori ed esplorano tecniche di lavorazione uniche al mondo.

Il mondo degli artigiani è un’emozionante realtà che profuma di antico dove ci lasciamo trasportare in una Venezia d’altri tempi, quella in cui ancora nascono capolavori irripetibili.

Torna all' archivio <